image
Come aumentare la propria AUTOSTIMA
7 February 2017
uOyABj4b
Come diventare un ENERGY MANAGER
23 April 2017

LA RESPIRAZIONE

io ed emanuele

LA RESPIRAZIONE

 

La vita inizia con il primo respiro. L’uomo può sopravvivere fino a quattro settimane senza cibo solido, anche alcuni giorni senza liquidi. Ma senza il respiro la vita si spegne immediatamente. L’uomo considera le necessità vitali nella sequenza opposta : prima viene il nutrimento, al secondo posto la somministrazione di liquidi, ma al respiro non ci pensa nemmeno.

 

Vogliamo ascoltare le parole del grande maestro di yoga Vivekananda :

“Noi siamo delle lanterne, e bruciare è ciò che noi chiamiamo vita. Se si esaurisce la scorta di ossigeno, la lampada si spegne. Tutto ciò che possiamo fare è tenere pulita la lampada. La vita è un prodotto composto che deve dissolversi nei suoi elementi.”

 

Se senza il respiro non esiste vita sulla terra, è evidente che una sana e profonda respirazione equivale ad una vita più intensa.

 

Lo hatha-yoga pone la respirazione in primo piano. Il collegamento della respirazione con il movimento rappresenta un sollievo per la circolazione e ci porta inconsciamente ad una respirazione più naturale.

 

Dovete imparare a dominare la vostra respirazione che è l’anello di congiunzione tra il corpo e lo spirito. Purtroppo la maggior parte di noi respira in modo errato. Gran parte dell’ossigeno inspirato viene espulso inutilizzato. Usiamo il nostro bel polmone solo in modo parziale e come ogni organo che non viene sollecitato alle massime prestazioni, non le può né sviluppare né mantenere.

 

Un uomo sano e pieno di vita respira profondamente ed in modo regolare. La persona svogliata e malcontenta invece è tesa ed ha un respiro breve e piatto.

 

Cosa succede con l’aria che inspiriamo ? Essa fluisce nei polmoni. Attraverso le vescicole polmonari l’ossigeno viene assorbito dal sangue = nutrimento. Ora inizia un grande circuito vitale : la respirazione porta dapprima l’ossigeno attraverso il sangue al cuore, da dove viene pompato attraverso le arterie ai vasi capillari. Poi, attraverso il circuito sanguigno vengono nutrite anche le particelle più piccole, le cellule, con l’ossigeno, che viene consumato nel processo di ossidazione e dev’essere rinnovato continuamente.

Meno ossigeno contiene il sangue che attraversa il corpo, più debole è questo. Le nostre cellule aspettano letteralmente ogni momento l’approvvigionamento di ossigeno. Una respirazione frettolosa e piatta porta allo stesso denutrimento delle cellule di quando si inspira dell’aria malsana, scarsa di ossigeno. Il risultato è identico : stanchezza, nervosismo e scarsa resistenza contro le malattie.

 

La respirazione non riguarda soltanto l’apporto di ossigeno ed il suo consumo, ma anche l’espirazione, che è altrettanto importante. Quando i tessuti, nel continuo processo vitale, si sono saziati con l’ossigeno, scarica nel sangue le scorie (acido carbonico) il quale ritorna come sangue venoso nuovamente nei polmoni. Là viene pulito mediante l’eliminazione dell’acido carbonico con l’espirazione. Con una respirazione più profonda aumenta anche la percentuale di acido carbonico espulso. Per questo lo yoga insegna che respirare bene è importante quanto una corretta alimentazione, per poter mantenere l’equilibrio psico-fisico.

 

La respirazione viene insegnata in diverse fasi. Iniziamo subito con la prima, che è l’osservazione. Vi prego di osservare in futuro attentamente il vostro respiro. Quando siete calmi, è lento e regolare. Aumenta con attività fisica, con lo sforzo e con la fretta, ma anche quando si è agitati, arrabbiati e nervosi. In caso di choc si può perfino fermare. Il detto popolare dice : “mi manca il respiro”. L’agitazione e lo stress influiscono sulla nostra respirazione. Meno noto è il fatto che possiamo gestire le nostre emozioni con l’aiuto del respiro. Infatti è impossibile essere agitati o arrabbiati quando si respira profondamente ed in modo tranquillo. Con il tempo vi agiterete meno, sarete più rilassati e distesi, ed i vostri familiari lo noteranno con piacere. Questo è particolarmente importante per le persone, che devono essere d’esempio ad altri, che non possono lasciarsi andare alla loro ira o addirittura scaricarla sui dipendenti.

 

Mediante una corretta respirazione si possono evitare delle malattie o attenuare dei disturbi. Ciò vale in modo particolare per disturbi dovuti a stati di irrigidimento come per esempio disturbi mestruali. La corretta tecnica di respirazione tiene il sangue più pulito grazie ad un maggior apporto di ossigeno e procura una pelle liscia e luminosa. Aiuta a combattere spossatezza e stanchezza. Si riacquista vitalità. Aumentano la lucidità mentale e la concentrazione. I polmoni vengono purificati e liberati dalle scorie. Diminuiscono le infezioni nella zona nasale e tracheale così come le cefalee.

Una corretta tecnica di respirazione è efficace contro l’insonnia, aumenta la concentrazione e prepara corpo e spirito alla meditazione.

 

Guadagnerete energia, ma non solo, ne potrete fare una “scorta”.

 

Questi meravigliosi effetti non si ottengono comunque subito o in un crescendo continuo. Bisogna lavorare, allenarsi costantemente. In questo modo riceverete un dono, che vi renderà felici e pieni di gratitudine.

Francesco briguglio

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>